Fragola di bosco – Fragaria vesca

Fragola di bosco

La Fragaria vesca, comunemente conosciuta come Fragola di bosco, è una pianta erbacea della famiglia delle rosacee che potete trovare presso i VIVAI PRANDINI. È una specie spontanea che nasce nei sottoboschi italiani ed è coltivata per i suoi frutti: piccole fragole dal profumo molto intenso.

TERRENO

La fragola di bosco ama i terreni ricchi di sostanza organica, sciolti e freschi; ha bisogno di abbondanti innaffiature evitando i ristagni idrici. Predilige un’esposizione soleggiata ed è bene concimare il terreno prima del trapianto con del letame maturo.

 

FIORI E FRUTTI

I fiori della fragola di bosco ricordano i fiori della fragola; sono di colore bianco candido e ci regalano frutti dall’inizio della primavera alla fine dell’autunno. Sono dei frutti dal sapore molto dolce e dal profumo intenso e avvolgente.

UTILIZZO E CONTENUTI SALUTISTICI

La fragola di bosco presenta tannino, mucillagine, vitamine e Sali minerali. Tra le sue proprietà ricordiamo quella nutritiva, astringente, diuretica e depurativa. L’infuso delle foglie viene impiegato contro la dissenteria e per agevolare la diuresi; l’infuso di foglie e rizoma contro i reumatismi e le affezioni dell’apparato renale. I frutti, ricchi di calcio, ferro, fosforo e vitamina C, sono facilmente assimilabili e utili in caso di convalescenza, anemia, artrite e gotta. Il succo del frutto, per uso esterno, è indicato in caso di scottature solari, macchie della pelle e denti opachi. La polpa dei frutti è un rimedio efficace nella prevenzione delle rughe infatti rende la pelle del viso morbida, vellutata ed elastica. Il rizoma ha proprietà aperitive, depurative e diuretiche che possono essere sfruttate dai reumatici e da coloro che sono affetti da sciatica e calcoli, è inoltre un buon astringente gengivale. Le foglie tritate possono essere applicate sugli ascessi purulenti. I rizomi e le radici laterali vanno raccolti in primavera e in autunno, e fatti essiccare al sole, si conservano in sacchetti di carta o tela. Le foglie vanno staccate prima della fioritura, se non si usano fresche vanno fatte asciugate all’ombra e conservate come i rizomi. Non sono segnalati particolari effetti collaterali riguardo l’uso della Fragola di bosco. Alcuni soggetti predisposti possono manifestare delle reazioni allergiche se consumano il frutto. A scopo cautelativo l’impiego della Fragola di bosco e di tutti i suoi estratti è sconsigliato durante la gravidanza ed allattamento.